Il 13 marzo, la regina Elisabetta si è seduta sul sedile posteriore della sua Bentley e si è allontanata da Buckingham Palace mentre la pandemia di coronavirus contagiava Londra. A causa della sua età – ha compiuto 94 anni il 21 aprile 2020 – si è trasferita al castello di Windsor una settimana prima del solito rispetto all’inizio della sua tradizionale residenza di primavera. Senza sapere quando sarebbe tornata.

Mentre si allontanava, i clic delle fotocamere scattavano. Quasi istantaneamente, quelle immagini sono state pubblicate online e viste da mezzo mondo. Nonostante l’umore cupo, hanno suscitato una risata: seduto in grembo a Sua Maestà c’era un dorgi (bassotto corgi) molto attento, Candy.

Per tutta la sua vita e il suo regno, dorgi e corgi sono stati fedeli cani da compagnia della regina Elisabetta. Con il passare del tempo, sono diventati il ​​simbolo della regina: si sono morsicati in una scenetta per la cerimonia di apertura delle Olimpiadi del 2012, hanno posato con lei sulla copertina di Vanity Fair e si sono divertiti  sui vasti prati del palazzo e sui terreni del castello. A marzo, la regina ha condiviso una sua foto al telefono dal Castello di Windsor, mentre parlava con il Primo Ministro Boris Johnson. E sulla sua scrivania? Statuette do corgi in bronzo.

Ma torniamo all’inizio: prima di diventare regina, era la giovane principessa Elisabetta, circondata dai cani. “Le principesse Elisabetta e Margaret vivono circondate da molti cani, tra cui labrador e persino una razza tibetana”, scriveva Kathleen Woodward in un numero del Sunday Times del 1937. “Entrambe le principesse hanno i loro cani e viene loro insegnato a prendersi cura della loro alimentazione e toelettatura. La principessa Elisabetta ha un corgi gallese, dal quale si separa raramente”. Sebbene Woodward non nomini il cucciolo, si presume che sia Dookie, portato a casa dal Duca di York, padre di Elisabetta, nel 1933. Sarebbe il primo di oltre 30 corgi che la regina ha avuto durante la sua vita. Nel 1935, i fotografi hanno scattato immagini della principessa, che porta Dookie (o forse l’altra corgi, Jane) a Hyde Park. Due anni dopo, sul balcone di Buckingham Palace per la parata Trooping the Colour, ormai prima in linea di successione al trono britannico., teneva tra le sue braccia di 11enne il cagnolino.

Il giorno del suo 18esimo compleanno, le è stato regalato un cucciolo di corgi di nome Susan. Per il successivo decennio, i due sono stati inseparabili. Susan si unì alla regina e al Principe Filippo in luna di miele nel 1947. Il Manchester Guardian catturò questa scena mentre gli sposi salivano sul treno per Broadlands, tenuta di proprietà dello zio di Filippo: “Il corgi color zenzero saltò fuori davanti alla coppia reale e fu acciuffato dagli assistenti di palazzo”.

Mentre erano a Broadlands, il principe Filippo portava la sua sposa in jeep attraverso il parco. “L’unico altro occupante era il corgi da compagnia della principessa Elisabetta”, scrisse il Daily Telegraph.

Susan fu la capostipite di quella che sarebbe diventata una vera dinastia dei cani. La regina Elisabetta fece accoppiare la sua cagnolina e da allora ogni corgi o dorgi di sua proprietà può essere ricondotto a Susan – finora, ci sono state più di 10 generazioni. Quando Susan morì nel 1959, fu sepolta in un cimitero di animali domestici a Sandringham.

I royal corgi a Buckingham Palace hanno dormito in cesti di vimini nella loro “stanza dei Corgi”. Secondo il libro del 2013, Pets by Royal Appointment, hanno cenato con filetti e pollo preparati da uno chef. La regina li nutriva spesso da sola: a un certo punto è arrivata ad averne nove, poi sette  e nel 2012 ce n’erano almeno cinque. Tutti con una divertente varietà di nomi: Carol, Crackers, Ranger, Sugar, Smoky, Monty e Holly sono solo alcuni dei corgi reali. La BBC ha tenuto un elenco dei nomi dei dorgi: Tinker, Pickles, Chipper, Piper, Harris, Brandy, Berry, Cider, Candy e Vulcan. Nel 2015, i tabloid britannici hanno riferito che la regina aveva deciso di smettere di allevare cani: era preoccupata che un cucciolo avrebbe potuto sopravviverle, e non voleva lasciare nessun corgi da solo.

Oggi, nel 2020, la regina non possiede più corgi. L’ultimo, Willow, è morto nel 2018. Ci sono però ancora due dorgi, Candy e Vulcan. God save the Queen (and the dorgis) 

Questo articolo è stato pubblicato su Vogue.com

Nella gallery, tutte le foto di Elisabetta con i suoi fedeli cagnolini, nel corso degli anni. 



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here